Motus Vivendi ed. 2017

Da Libertà del giorno 8 settembre 2017, pagina 20

 

E' ora del “Motus Vivendi” la manifestazione per auto e moto che quest’anno ci porterà in Rocca d’Olgisio il 10 settembre 2017.

Prima un po’ di storia dal sito www.roccadolgisio.it

Rocca d’Olgisio è uno dei complessi fortificati più antichi e suggestivi del piacentino, sia per la posizione dominante le valli solcate dai fiumi Tidone e Chiarone, sia per la sua architettura.

Difesa da ben sei cinte murarie, la fortezza poggia su roccia arenaria e integra armoniosamente strutture medievali e rinascimentali. La zona circostante si distingue per la presenza di grotte naturali, ai tempi utilizzate dall’uomo primitivo come luoghi per l’abitazione e per la sepoltura.

Secondo alcune leggende, il castello sarebbe stato fondato nel VI secolo da Giovannato Miles, padre delle Sante Liberata e Faustina. La prima notizia scritta riportante l’esistenza della fortezza risale al 1037, quando alcuni documenti della Curia Vescovile ne attestano la cessione ai monaci di San Savino.

Nel 1378, il feudo venne ceduto da Gian Galeazzo Visconti al cavaliere Jacopo Dal Verme. Tale famiglia ne rimase proprietaria fino a metà Ottocento, salvo brevi periodi di interruzione. Nel 1478, la Rocca subì gravi danni a causa di un violento incendio. Il conte Pietro Dal Verme, sfuggito miracolosamente alle fiamme, morì nel 1485 avvelenato da Ludovico il Moro, il quale concesse Rocca d’Olgisio al genero Galeazzo Sanseverino.

Agli inizi del 1500, i francesi occuparono le città e le fortezze dello stato di Milano. Solo i Dal Verme rifiutarono di riconoscere la sovranità regale sulla rocca. Per questo furono assediati: nonostante la fortezza potesse resistere anche per dieci anni (grazie al buon sistema difensivo e alle derrate alimentari conservate in caso di assedio), il fortilizio cadde in mano nemica per il tradimento di alcuni ufficiali di guardia. 

Ripristinata l’autorità imperiale, i Dal Verme conservarono il fortilizio fino all’estinzione della famiglia, avvenuta a metà Ottocento quando Lucrezia Dal Verme sposò Giulio Zileri. Nei passaggi di proprietà successivi la fortezza fu spogliata completamente del proprio mobilio.

Durante la seconda guerra mondiale, la Rocca fu sede del comando della II divisione partigiana di Piacenza. Per questo motivo, subì due attacchi da parte dei tedeschi. Entrambi videro come protagonista il leggendario Giovanni Lazzetti, partigiano conosciuto in zona come Ballonaio, il quale riuscì a respingere i nemici solo al loro primo attacco. La seconda volta, i tedeschi scacciarono i partigiani e fecero crollare alcune parti della fortezza.

Il programma della giornata sarà il seguente:

dalle ore 08,30 alle ore 10.00 iscrizioni presso il Bar Bulà in Pianello Val Tidone;

alle ore 10.30 partenza;

alle ore 11.30 arrivo in Rocca d’Olgisio e visita guidata al castello;

alle ore 12,30 partenza per il ristorante;

alle ore 13,00 arrivo all’Agriturismo Ristorante La Colombaia di Pianello Val Tidone;

a fine pranzo i saluti ed il ritorno a casa.

Il costo per partecipante è fissato in € 30,00 e prevede il caffè della mattina, la visita guidata al castello, aperitivo e pranzo.

Ti aspettiamo, potremo far “sgambare” le nostre “vecchie”, visitare un castello pieno di storia, stare insieme e parlare del futuro del nostro club.

Bene, per ora è tutto, ricorda “La Storia Vive con Noi”.

Club Veicoli Storici Piacenza

logo ASI

Strada Regina 10/C
Quarto
29020 Gossolengo(PC)
tel. +39 0523 380489
email info@cvsp-pc.it

P. IVA 01259450334